gestione separata inps - MaNiClean International

Registrati alla  Newsletter
Vai ai contenuti
Area Riservata

Gestione separata INPS – aliquote 2020
La legge di bilancio 2020, approvata il 16 Dicembre 2019i al Senato e di cui si attende ora il via libera dalla Camera, non prevede alcuna modifica alle aliquote contributive per gli iscritti alla Gestione separata INPS.

Quindi, per l’anno 2020 la contribuzione previdenziale degli incaricati alla vendita rimane invariata rispetto al 2019, come segue:

Categorie di soggetti
Contributo previdenziale
dal 1.1.2020
Reddito
imponibile annuo
Provvigioni
lorde annue
Non iscritti ad altre forme
previdenziali obbligatorie
33,72%
(invariata rispetto al 2019)
oltre € 5.000
fino a € 101.427
oltre € 6.410
fino a € 130.034
Iscritti ad altre forme
previdenziali obbligatorie
e Pensionati
24,00%
(invariata rispetto al 2019)
oltre € 5.000
fino a € 101.427
oltre € 6.410
fino a € 130.034
NB: il massimale di reddito contributivo è riferito al 2019 e verrà rivalutato dall’Inps per il 2020.

La ripartizione dell’onere contributivo rimane fissata rispettivamente in un terzo a carico dell’incaricato e due terzi a carico dell’impresa committente.

Si ricorda inoltre che il limite di reddito di 5.000 euro (pari a 6.410 euro di provvigioni) costituisce una fascia di esenzione annua: quindi, a partire dal 1° gennaio 2020 le imprese committenti non dovranno versare alcun contributo previdenziale per i propri incaricati fino al raggiungimento del suddetto limite.

Infine, si ricorda che il versamento dei contributi previdenziali degli incaricati segue il criterio di cassa e non quello di competenza e che il cosiddetto principio di cassa allargato non è applicabile ai compensi corrisposti agli incaricati in quanto non sono assimilati ai redditi da lavoro dipendente.

Torna ai contenuti